Convegno “Canzone a Napoli nel primo Ottocento”, Salerno 16-17 marzo 2011

Il 16 e il 17 marzo 2011, presso la Sala Rossa del Casino Sociale di Salerno, si svolgerà il Convegno Canzone a Napoli nel primo Ottocento tra salotto borghese e tradizione orale nei “Passatempi musicali” di Guillaume Cottrau.

Programma del Convegno:

mercoledì 16 marzo

ore 15

Francesco Lanocita
Presidente del Conservatorio di musica “G. Martucci”

Fulvio Maffia
Commissario Straordinario del Conservatorio di musica “G. Martucci”

Francesca Seller
Società Italiana di Musicologia

Agostino Ziino
Istituto Italiano di Storia della musica

Indirizzo di saluto

presiede
Agostino Ziino

Pasquale Scialò, Costruire tradizioni: virtuoso ‘passatempo’ di un francese a Napoli
Antonia Lezza, La cultura teatrale del primo Ottocento. Intersezioni e interferenze
Emma Giammattei, Cottrau nella cultura napoletana di primo Ottocento
Marco Rovinello, Una minoranza integrata: i francesi nella Napoli del primo Ottocento

ore 19
Passatempi in Concerto
canto Nunzia De Falco
pianoforte Luigi Maresca
 

giovedì 17 marzo
ore 9,30

presiede
Pasquale Scialò

Massimo Distìlo, Le giornate di un “melomane”: appunti biografici su Guillaume Cottrau
Paologiovanni Maione – Francesca Seller, Scene musicali a Napoli nel primo Ottocento
Giovanni Vitale, “Passatempi musicali”: a spasso tra lessico e scrittura
Ciro Visco, Vocalità da camera del primo Ottocento
Gianfranco Plenizio, “Guarda che bianca luna”. Il reperimento dei testi nella musica vocale da camera

ore 14,30
presiede
Francesca Seller

Carla Conti, Noi cantavamo. Il canto e il pianoforte nei “Passatempi Musicali” di Guillaume Cottrau

Raffaele Di Mauro, Echi rurali e matrici urbane nei “Passatempi Musicali” di Guillaume Cottrau

Marialuisa Stazio, Back to the Future. Guillaume Cottrau: viaggio temporale fra “Divertimenti per Pianoforte” e canzone napoletana, ovvero la storia ricostruita dai suoi esiti
 

Giuseppe Rocca, “… dalla bocca del popolo…!”. Indizi e tracce

Conclusioni

Sala Rossa del Casino Sociale (Teatro Verdi)
via Gaetano D’Agostino, 4 – Salerno